Samp-Napoli, 3 punti per la rincorsa Champions

di Maria Labanchi

È tornato alla vittoria dopo la défaillance di mercoledì scorso contro la Juventus il Napoli di Gattuso, conquistando tre punti che sicuramente lo aiutano a rilanciarsi nella corsa alla Champions e che gli ridonano fiducia in vista del big match contro la capolista Inter di domenica prossima. Una partita con tante occasioni per gli azzurri, che ne hanno sprecate la maggior parte, riuscendo comunque a segnare due gol e a non subirne nessuno.

Dopo una prima mezz’ora spesa per la maggior parte nella metà campo dei padroni di casa senza riuscire a trovare la conclusione, finalmente al 35’ Fabian Ruiz, con un tiro da fuori area, ha sbloccato il risultato, mandando le squadre negli spogliatoi sullo 0-1. Unici veri “intoppi” della partita per i partenopei sono stati il pareggio di Thorsby, annullato dopo una revisione dell’azione al Var da parte del direttore di gara, che ha notato un fallo del giocatore blucerchiato su Koulibaly, e l’ammonizione qualche minuto dopo per Lozano, che già diffidato dovrà saltare la prossima partita. E finalmente, a dieci minuti (compresi i 6 di recupero) dal triplice fischio, è arrivato il raddoppio partenopeo di Osimhen su assist di Mertens.

Questa partita ha dunque confermato l’avvenuto cambiamento degli azzurri, che sono riusciti a non farsi abbattere da un risultato precedente, giocando in modo cinico nonostante la visibilità di alcuni limiti come le prestazioni non troppo brillanti di Insigne e Politano (sostituiti entrambi nel corso del secondo tempo). Pur non essendo perfetta dal punto di vista tecnico e tattico, infatti, questa sfida ha lasciato intendere che malgrado tutti gli ostacoli il Napoli c’è e vuole provare a tutti i costi a raggiungere il proprio obiettivo, anche se non è solo in questa corsa durante la quale nessuno pare voler mollare la presa. Con otto partite ancora da giocare, sicuramente il discorso è ancora aperto, ma è importante non “inciampare” più per assicurarsi un posto nella più ambita competizione europea, non solo per prestigio, ma anche per darsi quella spinta in più dal punto di vista economico, un fattore da non sottovalutare nella prospettiva del prossimo calciomercato estivo.

E se le voci dei diretti interessati continuano a non farsi sentire (causa silenzio stampa), vorrà dire che saranno solo i fatti sul campo a parlare, sperando che i partenopei non siano più costretti a rinunciare a nessun elemento del proprio organico e che, soprattutto, continuino a tenere alto il morale per vincere anche le partite più difficili, senza dare nulla per scontato, per dare la degna conclusione a questa “breve ma intensa” era Gattuso, fatta di tante soddisfazioni e altrettante delusioni, di errori ed incomprensioni, alti e bassi che hanno condizionato le prospettive di una squadra che, nel bene e nel male, in questo momento sta comunque riuscendo a portare avanti almeno uno dei progetti iniziali. Pur senza nessun altro scontro diretto in vista, è necessario quindi che gli azzurri continuino a mantenere il ritmo dell’ultimo mese per poter stare al passo con Juventus e Atalanta, le sue “avversarie” più dirette in questo momento, senza sottovalutare anche squadre come la Lazio, che seppur meno “minacciose” sono sempre pronte a sfruttare qualsiasi passo falso per poter avanzare.

Questo finale di stagione dunque si prospetta più avvincente e combattuto che mai, e dovranno essere solo le vittorie, prima ancora che il piazzamento in classifica, l’obiettivo su cui concentrarsi partita dopo partita. Ma è solo collaborando che questo proposito si potrà probabilmente realizzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *