Virzì: “Per i vaccini aprire le sale cinematografiche”

“Se dopo le farmacie arrivano le Chiese per la somministrazione dei vaccini, perché non ridare respiro riaprendo anche le sale cinematografiche ed autorizzarle per l’inoculazione?”.

Ad affermarlo è Filippo Virzì, Segretario Regionale dell’UGL Creativi.

“Voglio ricordare che le sale cinematografiche  erano state riaperte al pubblico l’estate scorsa con cospicui investimenti necessari per implementare le misura di sicurezza, come il controllo dei flussi di accesso e di uscita per evitare assembramenti, il distanziamento sociale sia negli spazi comuni che negli Auditorium, sistemi di aerazione adeguati,  uso di prodotti sanificanti per tutto il perimetro, pertanto le ritengo perfettamente adeguate e pronte.

Inoltre considerata la diffusione capillare dei Cinema nel nostro paese e per come sono stati  ristrutturati, possono essere adattati  alle eventuali altre necessità specifiche che il processo di vaccinazione richiede”.

“Un esempio viene dall’estero –  conclude Virzì –   in alcuni Paesi il gruppo Odeon Cinemas, leader europeo nell’esercizio cinematografico e la società cui appartiene lo stesso UCI che ha inoltrato analoga richiesta alle autorità sanitarie nazionali per un progetto similare,  ha già firmato accordi con i rispettivi enti competenti per dare il proprio contributo al piano vaccinale”.

Virzì (Ugl): cinema, dalla Sicilia un po’ d’ossigeno

“Una boccata d’ossigeno per i gestori dei Cinema, accogliamo con positività la notizia delle risorse stanziate in Finanziaria, sono  5 milioni destinati dalla Regione Siciliana ai Comuni  siciliani per restaurare ed ammodernare le sale cinematografiche in Sicilia”.A dichiararlo è il Segretario Regionale dell’Ugl Creativi Sicilia, Filippo Virzì.“Le sale cinematografiche sono luoghi di bellezza  e aggregazione – sostiene  Virzì – dove il cinema si manifesta agli spettatori nella sua dimensione ideale, pertanto bisogna investire sempre più per il rilancio delle stesse”.

Sport. A Palermo protesta degli operatori sportivi.

Virzì (Ugl): Fate sentire la vostra voce

Una nota di speranza arriva dal Governo Nazionale.

Sono pronta a sfidare i limiti. La storia li pone, gli uomini devono superarsi per generare altri ostacoli che puntualmente verranno abbattuti. E’ lo sport, come la vita”. Queste sono parole di Valentina Vezzali  (nella foto) passate alla storia  ex schermitrice, sei volte d’oro ai Giochi Olimpici, il nuovo sottosegretario con delega allo sport nominata dopo settimane di incertezza.

Il mondo dello sport è in ginocchio confidiamo molto nel neo Sottosegretario Valentina Vezzali, un alto profilo del mondo sportivo che ci fa ben sperare –  dichiara Filippo Virzì dell’Ugl Creativi  – il settore sportivo è in ginocchio con tutto l’indotto, la perdita di posti di lavoro è senza precedenti, credo sia giunto il momento di scendere in piazza per denunciare questa ingiustizia, operatori del settore fate sentire la vostra voce, la categoria va indennizzata a seguito della lunga chiusura ed adeguatamente supportata da un reale piano di rilancio”.

Virzì (Ugl): Solidarietà ai lavoratori circensi

“Uomini,  mezzi e macchinari bloccati nelle aree di sosta in tutta Italia, è  una situazione insostenibile.

La sopravvivenza del mondo circense si basa sul tempo, più tempo passerà per la riapertura dei circhi meno possibilità ci saranno di ripresa”.

E’ il grido d’allarme lanciato dal Responsabile dell’Ugl creativi di Palermo, Filippo Virzì.

“Uno scenario impietoso, migliaia di famiglie in bilico, tantissimi artisti impossibilitati ad esibirsi, gli animali che devono essere necessariamente nutriti e curati a fronte di zero incassi,  un costo elevatissimo a dir poco insostenibile che sta creando un grave dissesto economico nel mondo circense che chiede di essere aiutato dal riconfermato Ministro Franceschini per una corretta ripartenza con adeguati indennizzi”.

Raffa (Fabi): no alla chiusura di sportelli nei piccoli centri

“Le banche non possono continuare a favorire la desertificazione dei piccoli comuni della Sicilia chiudendo gli sportelli bancari: così facendo, creano grossi problemi alla popolazione e in particolar modo agli anziani. Gli istituti di credito continuano a rappresentare un servizio pubblico essenziale e ciò non può valere solo per i dipendenti  che debbono garantire i servizi ma anche e principalmente per gli amministratori”.

È quanto dichiara il Coordinatore della Fabi Sicilia, Carmelo Raffa, commentando i dati diffusi nella giornata di domenica 3 gennaio 2021  dall’Assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao.

“In questo momento particolare – osserva Raffa –  è indispensabile che chi di dovere intervenga.Il governo nazionale deve operare concretamente e non a parole per il rilancio dell’economia nelle zone più deboli del paese  e ciò potrà essere concretizzato unicamente con una vera politica nell’erogazione dei crediti, delle elargizioni a fondo perduto e con la presenza di sportelli bancari in tutti i comuni”.

Cinema. Virzì (Ugl creativi): “Un segnale di speranza i finanziamenti regionali a fondo perduto per il settore cinematografico in Sicilia”

L’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana destina cinque milioni di euro alla riqualificazione delle sale cinematografiche siciliane per l’ammodernamento delle strutture, l’adeguamento degli impianti e la nuova realizzazione.

I finanziamenti sono a fondo perduto e  prevedono la possibilità di realizzare un’ampia gamma di opere.

Tra le spese finanziabili rientrano oltre a quelle di tipo edilizio, anche quelle relative all’impiantistica: impianti di proiezione digitale e impianti audio, climatizzazione, sistemi di sbigliettamento automatico, arredi e poltrone, interventi per l’ottimizzazione del consumo energetico e quelli di produzione di energia elettrica necessari al funzionamento.

“Vogliamo riparlarne in occasione del nuovo anno 2021 appena subentrato – spiega Filippo Virzì Responsabile dell’Ugl creativi di Palermo – gli interventi sono inseriti nell’Avviso pubblico per il finanziamento di azioni nel settore delle sale cinematografiche destinato alle Pmi e alle associazioni no-profit per progetti di riqualificazione delle sale che si trovano nel territorio regionale.

Destinatari oltre ai cinema mono e multisala sono anche i cineforum, i cinema d’essai, le cineteche”. 

“E’ un primo segnale di speranza – dichiara Virzì – apprezziamo quanto sta cercando di fare l’Assessore Samonà lo riteniamo un incoraggiamento a non mollare in un settore colpito ingiustamente dalla chiusura da pandemia,  i finanziamenti sono a fondo perduto e  prevedono la possibilità di realizzare un’ampia gamma di opere, tra le spese finanziabili rientrano, infatti, oltre a quelle di tipo edilizio, anche quelle relative all’impiantistica: impianti di proiezione digitale e impianti audio, climatizzazione, sistemi di sbigliettamento automatico, arredi e poltrone, interventi per l’ottimizzazione del consumo energetico e quelli di produzione di energia elettrica necessari al funzionamento”.

“Il cinema  – aggiunge Virzì  –  unisce la gente, aggrega e favorisce la socializzazione della comunità”.

“Ci uniamo – conclude Virzì – al ringraziamento di Anec, Agis e Ueci verso la sensibilità dimostrata in tale settore dal governo regionale spesso invece silente in altri settori di primaria importanza come recentemente denunciato dall’Ugl  Sicilia”.